2010-10-01

rifiuti urbani



Le città più sporche del mondo
Ecco la classifica poco lusinghiera delle città sommerse dai rifiuti: purtroppo nel triste primato rientra anche una città italiana.

Vivere in una grande città ha alcuni aspetti positivi, come il fatto di avere tutto a portata di mano, trasporti pubblici efficienti, alcuni ottimi ristoranti dove andare a cena. Ma anche tanti difetti, non da ultimo milioni di persone che tutti i giorni gettano tonnellate di rifiuti, non sempre nei luoghi più idonei. Ma quali sono le città più sporche del mondo?
1 - MUMBAI – La città indiana, con 14 milioni di abitanti, ha problemi cronici con le fognature e con il perenne sovraffollamento dei mezzi pubblici, nemmeno vagamente paragonabili a una delle nostre metropolitane all'ora di punta. Oltre a questo, a Mumbai si registra un fenomeno decisamente "singolare" con l’arrivo dei Monsoni: veri e propri vortici di spazzatura vengono sollevati nei cieli della città ricadendo nei punti più inaspettati. 2 - CIUDAD JUAREZ – Non che il Messico possa vantare la reputazione internazionale della Svizzera, quanto a pulizia e ordine, ma la città di Ciudad merita davvero la palma d'oro della più degradata del paese. Secondo moltissimi siti internet, e come testimoniato da innumerevoli fatti di sangue, la cittadina pare "gestita" completamente dai narcotrafficanti, che la lasciano in un degrado spaventoso. 3 - DACCA – Immaginatevi Venezia immersa non nell’Adriatico, ma in un mare perennemente inquinato da pesticidi e rifiuti solidi, e avrete Dacca. Dacca è la capitale del Bangladesh, uno dei paesi più poveri del mondo. I bambini più poveri sguazzano nei liquami come se si trovassero in una piscina, ma bonificare un'area dove vivono 150 milioni di persone è un'impresa che non è ancora riuscita né alle autorità locali né a quelle nazionali.4 -ANTANANARIVO – Anche la capitale del Madagascar è cosparsa di rifiuti in ogni angolo delle sue strade: nel 2004 si stimava che solo il sei per cento della spazzatura prodotta nel paese fosse smaltita da società specializzate o comunque in modo sistematico. Il restante 94% quindi era "buttato dove capitava". E stiamo parlando di oltre 65.700 tonnellate per la sola capitale.5 - ADDIS ABEBA – Con le sue ottanta etnie diverse è forse una delle capitali in cui si mescolano di più usi, cultura e costumi diversi, ma la capitale dell’Etiopia deve fronteggiare anche un altro problema: quello della costante emergenza sanitaria dovuta alla mancanza di infrastrutture mediche e alla presenza di un'altissima concentrazione di rifiuti.6 - BAGHDAD – Nel 2007 i rifiuti lasciati nella capitale dell’Iraq sono arrivati a provocare un’epidemia di colera durata cinque mesi e il problema dell'acqua potabile, purtroppo tipico di queste zone, non contribuisce certamente a contenerla.7 - NAPOLI – In questa triste classifica trova purtroppo posto anche Napoli. Nella città partenopea e nel territorio circostante, infatti, lo stato di emergenza legato ai rifiuti è durato 15 anni, dal 1994 al 2009, con 11 commissari straordinari che non hanno mai risolto definitivamente il problema, tornato in questi giorni alla ribalta con tanto di vetture incendiate, manifestazioni e blocchi della raccolta che stanno già facendo parlare i media di ritorno all'emergenza rifiuti.
Per approfondire l’articolo vai a Il Sussidiario.net

Nessun commento: